28-04-2017
Partecipa!
Home / Rassegna stampa / Beppe Grillo a favore del dialogo con la Russia
Beppe Grillo a favore del dialogo con la Russia

Beppe Grillo a favore del dialogo con la Russia

Intervista esclusiva al capo del Movimento 5 Stelle da parte de La voce della Russia.
Il Movimento 5 Stelle è attualmente il secondo partito in Italia, e potrebbe diventare il primo se delle elezioni anticipate avessero luogo. Le risposte di Grillo traducono la posizione ufficiale del gruppo.

LVdlR: La Russia è accusata di aver attizzato il conflitto armato in Ucraina anche se l’unico intento del governo russo è di proteggere la popolazione, di salvare le vite e di offrire sul suo territorio un rifugio a numerosi Ucraini che fuggono dagli abusi degli ultranazionalisti della Guardia Nazionale. Quale è la posizione del vostro partito sul conflitto in Ucraina e la Russia? Cosa pensate delle sanzioni anti-russe inflitte dagli Stati Uniti e l’Europa alle quali si è unito il vostro Paese?

Beppe Grillo: Il problema non è nelle posizioni e nelle opinioni, è nei fatti concreti. Le cause di questo conflitto devono essere ricercate da un’altra parte. Come sempre è la politica che è colpevole o piuttosto la sua debolezza.
Da dieci anni l’Europa proclama con orgoglio la volontà di emanciparsi, di applicare una politica indipendente, di prendere delle decisioni senza sguardi al passato. In realtà continua a evolversi sulla scia della politica del secolo scorso, abbastanza obsoleta e certamente non attuale.
L’analisi di questi ultimi 30 anni, un passato ancora recente, mostra che il sistema occidentale così come lo concepiamo noi, è stato sovente incapace di mettere a punto delle soluzioni all’altezza dei problemi con i quali si confronta. Fino ad ora, mentre il mondo è ancora diviso in due, almeno apparentemente, questi limiti del sistema e questi questioni in sospeso si mostrano in tutta la loro complessità.
Oggi sono l’Ucraina, la Palestina e la Siria, ieri era la Libia, l’Iraq e l’Afghanistan e dobbiamo riconoscere, a nostra vergogna, che lo scenario del passato si ripete: gli stessi conflitti, le stesse regioni e le stesse motivazioni.

Il M5S ha l’intenzione di lavorare per ottenere che le soluzioni siano conformi allo spirito del tempo. Perché non si può più tollerare che si rimanga rinchiusi nel quadro di una politica altrui, d’una politica ostile ai nostri interessi nazionali. L’Europa non può servire da incudine, ed è per questo che diamo una grande importanza al ristabilrsi del dialogo con la Russia e, parallelamente, alla condanna delle sanzioni contro il popolo russo.

LVdlR: La NATO accresce la sua presenza militare alle frontiere con la Russia e in Italia i dibattiti sull’utilità dell’acquisto dei caccia F35 non cessano.
Quale sarà la posizione del vostro movimento al Parlamento Europeo a proposito della politica d’espansione della NATO e della remilitarizzazione del Vecchio Continente?

Beppe Grillo : Noi siamo contro l’acquisto degli F35 senza condizioni e l’abbiamo dichiarato a più riprese durante i dibattiti sull’evoluzione della nostra politica nazionale.
L’Europa ha chiaramente dimostrato che non possiede un’unica politica estera. Se partiamo dal fatto che la UE è un territorio di pace, come non condannare tutte le azioni militari di carattere offensivo?
Il vero problema è che l’Europa resta un cantiere dove i lavori continuano e, senza elaborare una politica di difesa comune, i suoi Stati membri hanno la possibilità di agire ognuno indipendentemente, a seconda dei loro bisogni e dei loro interessi nazionali.
Allo stato attuale, il nostro movimento, convinto partigiano del pacifismo, farà tutto il possibile affinché la UE, assistita dall’Italia, possa rinunciare alla politica del passato e considerare quantomeno un anacronismo il fatto che il cosiddetto Occidente sia considerato elemento fondamentale della comunità internazionale.
E’ per questo che noi ci pronunciamo a favore di una revisione dei principi delle relazioni tra l’Italia e l’Unione Europea, e del ruolo dell’Europa nel quadro della NATO.
Siamo favorevoli ad un’Unione Europea forte e unita, che rispetta le tradizioni e i bisogni dei suoi membri. Di conseguenza, stabiliremo un dialogo con tutti, sempre mantenendo la nostra indipendenza nella presa di decisioni e rifiutando ogni forma d’ingerenza da parte degli Stati “forti”.

Testata: La voix de la Russie (France)
Traduzione a cura di: Maurizio Manca
Link all’originale: http://french.ruvr.ru/2014_07_16/Beppe-Grillo-dit-oui-au-dialogue-avec-la-Russie-et-non-aux-sanctions-contre-le-peuple-russe-9462/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>